My special travel wish list

Settembre…mese di ritorni (non a caso qui si parla di ‘viaggi di ritorno’).

Ma un ritorno è sempre una ripartenza e quindi eccomi qui a fare un nuovo punto della situazione con me stessa e a sentire il bisogno di pianificare da qui quello che sarà il nuovo anno.

Si. Perchè per me è settembre il VERO inizio dell’anno. Si rientra dalle agognate vacanze d’agosto e si ricomincia a lavorare. E’ il periodo in cui inizio ad avere una repentina voglia di aria frizzantina sulla pelle, the caldi alla vaniglia la domenica pomeriggio con biscotti inglesi burrosi, cioccolata calda con la panna e muffin, divano – dvd – copertina di lana, felpe con il cappuccio, cappottino e cappellino di cashmere, il buio presto la sera che ti porta al desiderio di rintanarti nel calore di casa. Voglia di neve, tanta neve. Di montagna, sci e vin brulè. Di vino rosso dopo mesi di vino bianco. Di castagne, camminate in mezzo ai boschi che si dipingono di rossi caldi e gialli accesi. Inizia la nuova stagione di Pechino Express e di XFactor e si va di nuovo al cinema il sabato sera. Natale è dietro l’angolo. In un soffio, che neanche te ne accorgi, saremo già indaffarati a preparare l’albero (a casa nostra di sicuro…dato che da tradizione si prepara il week end del mio compleanno – ossia a fine novembre…così da goderselo il più possiibile – ) e presi dalla corsa ai regali.

In questo mood, in me, iniziano adesso a covare i nuovi desideri di viaggio. E parte da qui, dopo una razzia di nuove lonely planet in libreria, la pianificazione dei prossimi viaggi.

Cambio ‘travel mood’ ogni giorno e quindi ad oggi sono passata dalla California alla Birmania, dal Vietnam alla Francia settentrionale, dalla Cambogia al Portogallo e di km nella mia mente ne ho già macinati parecchi…

Sta di fatto, che a prescindere da dove mi porteranno i prossimi viaggi è bene aggiornare la mia travel wish list e scoprire che si sono aggiunti nuovi desideri. E che ci sono delle spunte importanti da fare.

  1. Perdermi con la mia macchina fotografica tra le rovine di Angkor Wat e sentirmi per un giorno una piccola ‘Tomb Raider’
  2. La Birmania…i suoi colori, i suoi templi, la sua gente, il lago Inle
  3. Il Vietnam del Nord e la baia di Halong
  4. La Thailandia del Nord e il triangolo d’oro
  5. Nuotare nella piscina del Marina Bay Sands a Singapore
  6. Pechino e la Grande Muraglia
  7. Bali: passeggiare tra i templi all’alba e perdersi nelle risaie di Jatiluwih
  8. La fioritura dei ciliegi in Giappone
  9. Lo spleen della Normandia e della Bretagna tra scogliere a picco sul mare, paesini che sembrano usciti dalle tele di un pittore impressionista e locande sperdute
  10. Champagne e Alsazia on the road in perenne stato di allegria alcolica
  11. Cambridge e Oxford e la brughiera inglese (prati verde, nebbia, pecore e guida a destra)
  12. Una merenda come si deve alle 4 del pomeriggio in una sala da the a Londra: champagne, cioccolata calda, pasticcini di ogni tipo e stuzzichini salati (Madhatter’s afternoon tea party al Sanderson Hotel)
  13. Andare a caccia dell’aurora boreale su su al Nord…con un contorno di neve, slitte trainate dalle renne, saune finlandesi e casa di Babbo Natale
  14. Crociera nei mari del Nord tra ghiacciai perenni, iceberg, villaggi di pescatori, l’aria pura e la natura selvaggia
  15. Il ‘foliage’ in Canada in Autunno
  16. Il ‘foliage’ nel New England
  17. New York. Semplicemente New York.
  18. California on the road con tappa imprescindibile nella Napa e nella Sonoma Valley
  19. Il Grand Canyon…essere lì, davanti e sentirmi piccola piccola davanti a tanta grandezza e bellezza
  20. Sentirsi come Liv Tayler in Stealing Beauty tra i vigneti del Castello di Brolio in Toscana
  21. Un safari tra Namibia, Tanzania e Kenya (e dormire in un campo circondata dal buio e dai rumori della savana)
  22. Dormire almeno una notte nel deserto del Sahara
  23. Un vestito fiorato, cappello di paglia, bicicletta con cestino, baguette sotto braccio tra i prati di lavanda nel Luberon e in Provenza
  24. Avvistare i fenicotteri rosa in Camargue
  25. Esplorare il Montenegro e dormire a Sveti Stefan
  26. Perdersi nel suck di Marrakech: negoziare con i venditori ambulanti e bere the alla menta tra un’acquisto e l’altro
  27. Il dolce non far nulla in un’isola Polinesiana…con una piccola casetta sopra il mare trasparente
  28. Trekking sulla cordigliera delle Ande (…forse prima sarebbe bene INIZIARE a fare trekking…) fino a Machu Picchu
  29. Lisbona: la sua luce, i vicoli del Barrio Alto, la torre di Belem, l’Oceano vicino e il sapore del Porto
  30. L’Alhambra e i colori dell’Andalusia
  31. Cracovia e un viaggio della memoria ad Auschwitz/Birkenau
  32. Un volo in mongolfiera sopra la Capadocia
  33. Cercare il miglior Kebab a Istanbul e oziare fumando narghilè alla mela davanti alla Moschea con le ore scandite dal canto dei muezzin
  34. Il bianco e il blu delle isole Greche
  35. I tramonti di Santorini
  36. Un viaggio in catamarano tra le isole dei Caraibi per fare tappa a Saint Lucia e (per farla grossa grossa…dato che di desideri stiamo parlando) soggiornare al Jade Mountain
  37. Imparare a fare surf alle Hawaii
  38. Trekking in Nuova Zelanda nei luoghi del “signore degli anelli” cinematografico
  39. …work in progress! 

E voi? Che cosa è in testa alla vostra wish list?

Buon rientro e buone ripartenze a tutti!

2 pensieri su “My special travel wish list

I commenti sono chiusi.